Impianto fotovoltaico: vantaggi e svantaggi

fotovoltaico-pro-contro

Gli impianti fotovoltaici sono ormai molto diffusi anche nel nostro Paese e il loro costo si è sensibilmente abbassato rispetto al passato. Stiamo parlando di un sistema di raccolta dell’energia emessa dai raggi solari che può essere facilmente trasformata in energia elettrica, da utilizzare in casa o da vendere all’azienda di zona, risparmiando quindi in modo sensibile sul costo della bolletta della luce. Vogliamo presentare del fotovoltaico pro e contro, in modo che sia più semplice comprendere se e perché è utile installare un impianto di questo genere. Sappiamo bene che il costo di installazione di un impianto fotovoltaico può essere abbastanza oneroso per le famiglie, ma bisogna tenere conto sia delle possibilità di poter finanziare il prezzo richiesto dall’installatore, che del risparmio successivo sulle bollette domestiche. Cercheremo di condurre un’analisi che tenga conto sia degli aspetti positivi che negativi, in modo da essere un valido aiuto per tutti coloro che prendono in considerazione la possibilità di installare un impianto fotovoltaico.

La comodità del fotovoltaico

Il primo vantaggio, per coloro che possiedono un impianto fotovoltaico consiste nella possibilità di ottenere energia elettrica da fonti rinnovabili, ossia dalla luce solare. Oggi in Italia l’energia elettrica che ci viene consegnata dalle aziende di fornitura è ottenuta da fonti rinnovabili solo per circa il 30%. Volendo è possibile richiedere energia elettrica esclusivamente da fonti rinnovabili, ma con elevati rincari della bolletta bimestrale. Avere un impianto proprio consente invece di avere la certezza di usare energia elettrica in totale armonia con l’ambiente e a basso impatto, aspetto importante in merito alla tutela ambientale. Le fonti non rinnovabili di energia elettrica sono le centrali a combustibile fossile o a gas, che contribuiscono in modo importante all’inquinamento atmosferico, con tutte le conseguenze negative e disastrose che ben conosciamo.

Risparmiare sulla bolletta

L’altra voce particolarmente interessate che troviamo sui vantaggi di avere a disposizione un impianto fotovoltaico consente nello spendere pochissimo, o anche nulla, per la luce utilizzata in casa o in azienda. Anzi, molti di coloro che possiedono un impianto riescono anche ad ottenere interessanti rimborsi, dati dalla vendita dell’energia in sovrappiù ad aziende di fornitura di questo servizio. Certo, si deve comunque considerare il costo dell’impianto stesso, che però negli anni si è sensibilmente abbassato. Se inizialmente si parlava di tempi di ammortamento vicini ai 15-20 anni, oggi un impianto fotovoltaico si ripaga in 5 anni, o meno, grazie alla diffusione di questi impianti, ai rimborsi garantiti dallo Stato italiano e dalla diminuzione dei costi generali di produzione dei pannelli. In definitiva, a fronte di un investimento economico che può essere tranquillamente estinto con un finanziamento rimborsabile in circa cinque anni, per contro avremo la possibilità di annullare definitivamente il costo domestico del consumo di energia elettrica oltre a poter ottenere un’entrata extra con la vendita della corrente in surplus accumulata grazie ad un accumulatore di corrente di cui lo stesso impianto è dotato.

Perché non è sempre conveniente

Ci sono però anche situazioni in cui l’impianto fotovoltaico non è la scelta ideale. Questo tipo di produzione di energia elettrica è infatti condizionata dall’insolazione della copertura della casa. In zone in cui l’insolazione non è ottimale ovviamente si ottengono quantitativi di energia minori rispetto ad altre zone più soleggiate. Inoltre nelle ore notturne e durante periodi nuvolosi non è possibile produrre energia elettrica con il fotovoltaico. Per questo motivo all’impianto si aggiungono degli accumulatori, che accumulano appunto l’energia prodotta quando l’insolazione è massima, per poi permetterci di sfruttarla quando lo desideriamo. Si tratta ovviamente di un accessorio aggiuntivo rispetto all’impianto stesso. Oltre a questo si deve anche considerare la spesa per la manutenzione dei pannelli, che vanno tenuti puliti e liberi dai detriti. Oggi in ogni caso prima di procedere all’installazione di un impianto fotovoltaico è possibile richiedere il sopralluogo da parte di un tecnico esperto, che ci saprà indicare dove posizionare l’impianto e le sue dimensioni ottimali per avere a disposizione la corretta quantità di energia elettrica di cui necessitiamo. E’ naturalmente sconsigliata, quindi l’installazione di un impianto fotovoltaico nelle zone particolarmente fredde, dove il sole non è molto forte, come ad esempio le zone di montagna, nelle quali i l periodo invernale ed autunnale sono più lunghi rispetto alle stagioni più calde.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>